Stella al Merito Rurale – SIAM – con riduzione e scatola

Registrati per scoprire il prezzo

DISTINZIONE AL MERITO RURALE , classe Bronzo , completa del suo nastro originale, contenuta nella scatola originale insieme alla medaglia riduzione con nastrino da petto, ed il proprio nastrino in stoffa da petto

La stella è in bronzo, marcata SIAM ROMA ai due bracci inferiori, ed è in perfette condizioni.

Scatola originale marcata all’interno per esteso

S.I. ARTE DELLA MEDAGLIA – ROMA – VIA DEI VOLSCI 114

 

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

 

Descrizione

Descrizione

Decorazione della STELLA AL MERITO RURALE , classe Bronzo , completa del suo nastro originale, contenuta nella scatola originale insieme alla medaglia riduzione con nastrino da petto, ed il proprio nastrino in stoffa da petto (sul quale notiamo applicata una stella simil argento, e non bronzo)

La stella è in bronzo, marcata SIAM ROMA ai due bracci inferiori, ed è in perfette condizioni.

Notiamo i dettagli coniati nella stella, al verso un fascio littorio centrale con scure di tre quarti, quasi ad uscire dal corpo della stella stessa, circondato da serti di foglie di ulivo, grappoli d’uva, frutti, grano, a magnificare quella che era l’era dello sviluppo delle terre bonificate (vedi Agro Pontino) e di quelle conquistate, coltivate dai nostri coloni che emigravano dalla madre patria italiana, per trovare gloria e dare lustro all’impero. Al recto della stella, impressa in rilievo al centro il titolo  AL MERITO RURALE  a sormontare un nodo savoia, anche qui con richiami alle piante e frutti.

La scatola in legno rivestita di carta dal colore verde scuro per un simil-pelle, con al centro impresso in simil oro il simbolo savoia usato durante l’impero coloniale. All’interno troviamo il marchio esteso  S.I. ARTE DELLA MEDAGLIA – ROMA – VIA DEI VOLSCI 114

 

 

MATERIALE     :  Bronzo

MISURE             :  circa mm.43 x 50 ai massimi punti di estensione inclusa la cambretta mobile

MARCHIO         :  SIAM ROMA

 

NOTIZIE

Distinzione al merito rurale

La Distinzione o Stella al merito rurale era una decorazione del Regno d’Italia istituita dal re Vittorio Emanuele III, col R.D. 17 novembre 1932, n. 1715 per premiare gli agricoltori che avessero apportato un contributo efficace ed esemplare all’incremento dell’agricoltura nazionale.

Le norme regolamentari furono emesse con Decreto del Capo del Governo del 31 gennaio 1933.

(Cessazione 16 Dicembre 2010 per abrogazione del decreto di istituzione)

Onorificenze

Le decorazioni venivano concesse con decreto reale su proposta del Capo del governo e del Ministro per l’agricoltura e le foreste e venivano conferite il 21 aprile, festa del lavoro.
La distinzione consisteva in diplomi di prima, seconda e terza classe che davano la facoltà di fregiarsi, rispettivamente, di una stella d’oro, d’argento e di bronzo.
Ogni anno potevano essere concessi al massimo 10 diplomi di 1ª classe, 50 di 2ª classe e 250 di 3ª classe.

Requisiti

La decorazione poteva essere concessa a tutti coloro che, a qualunque titolo, avessero prestato effettiva attività nella conduzione o direzione di aziende agricole e forestali compiendo opere di notevole miglioramento con prestazioni personali e notevoli sacrifici finanziari.
La distinzione poteva essere concessa anche a mezzadri e coloni che, con lavoro tenace ed esemplare, avessero contribuito al progresso agricolo.
La ricompensa aveva carattere di premio personale per cui erano esclusi gli amministratori di enti che non avessero prestato «effettiva opera personale».

La distinzione di 1ª classe era destinata a ricompensare benemerenze eminenti ed eccezionali; quella di 2ª classe poteva essere assegnata a coloro che avessero svolto azione particolarmente distinta sia per l’esemplarità che per l’efficacia dei risultati conseguiti mentre i diplomi di 3ª classe potevano essere assegnati a chi avesse recato, comunque, un contributo efficace ed esemplare all’incremento dell’agricoltura nazionale.
Nessuno poteva essere insignito di un diploma di grado superiore a quello conferitogli se non avesse conseguito nuove, speciali benemerenze.

Le proposte venivano esaminate da una commissione costituita presso il Ministero dell’agricoltura e delle foreste e presieduta dal ministro.
Le proposte di nomina dovevano essere presentate al Capo del governo entro il 31 marzo di ogni anno. Le proposte non riconosciute ammissibili dalla commissione non potevano essere ripresentate se non trascorsi tre anni mentre quelle non accolte solo per mancanza di disponibilità venivano riprese l’anno successivo.

Insegne

La stella andava portata sul lato sinistro del petto con un nastro di seta di 37 mm di larghezza di colore verde, con orli d’oro di 3 mm.

In luogo della stella poteva essere portato il distintivo consistente in una striscia del nastro, alta 8 mm, recante al centro una stella d’oro, d’argento o di bronzo.

  • Rural Merit Star G.png Stella d’oro al merito rurale
  • Rural merit Star S.png Stella d’argento al merito rurale
  • Rural Merit Star B.png Stella di bronzo al merito rurale

 

Ordini Cavallereschi del Regno d’Italia

Scheda di notizie storiche,documentali sul tema

Fonti varie Wikipedia

1.21

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 20 × 20 × 20 cm
Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stella al Merito Rurale – SIAM – con riduzione e scatola”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spedizione e pagamenti

PAGAMENTI SICURI - Garantiamo pagamenti sicuri tramite il modulo Paypal. Il pagamento è consentito anche tramite carta di credito alla voce “Paga con un’altra carta”

SPEDIZIONI RAPIDE - Il tuo acquisto sarà affidato ad un corriere espresso il quale assicura tempi di spedizione rapidi e puntuali. Per i costi puoi visualizzare la tabella qui