Ordine Supremo Santissima Annunziata – Piccolo Collare

Bellissimo piccolo Collare dell’ Ordine Supremo della Santissima Annunziata , la più alta onorificenza di casa Savoia , in argento dorato.

Di notevole fattura, modello realizzato da Cravanzola nel periodo 1880-1890, molto raffinato e con importanti dettagli.

In perfette condizioni, originale

 

P.A.R.   Prezzo A Richiesta         P.O.D.   Price On Demand

Non verranno risposti messaggi/email sprovvisti di dati anagrafici e numero di telefono

 

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

Descrizione

Descrizione

Bellissimo piccolo Collare dell’ Ordine Supremo della Santissima Annunziata , la più alta onorificenza di casa Savoia , in argento dorato.

Di notevole fattura, modello realizzato da Cravanzola nel periodo 1880-1890, molto raffinato e con importanti dettagli. Il pendente è racchiuso da tre nodi savoia con, nel mezzo, la rappresentazione dell’Annunciazione (l’arcangelo Gabriele che si rivela a Maria), iconografia che ne determinò nel 1518 il cambiamento del nome da “Ordine del Collare” a “Ordine Supremo della Santissima Annunziata“. Il pendente è realizzato in diverse sezioni, poi saldate tra loro, e impreziosite da 26  rosette applicate , ed in ultimo troviamo la placchetta a raggiera con la colomba , sopra l’Arcangelo Gabriele, applicata al resto del pendente mediante una piccola spinetta di fissaggio.  Il pendente è quindi assicurato al resto del collare tramite un anellino, al perno centrale, che unisce i due rami snodati del collare stesso. Il collare è composto da 14 sezioni traforate recanti il motto FERT , 7 per ogni braccio, intervallate da nodi Savoia ciascuno agganciato per mezzo di 4 anellini zigrinati.

Le due parti del collare si piegano quindi al perno centrale, ed il collare è provvisto di una chiusura a pressione (a scomparsa) nell’ultima sezione FERT

Destinato inizialmente ai soli nobili, poi esteso nell’Ottocento anche a personalità che si erano contraddistinte per meriti professionali, civili e militari, i possessori del collare potevano fregiarsi del titolo di cavaliere, che rendeva parenti ossia “cugini” del sovrano, anche senza legami di parentela. Il regolamento stabiliva che il cavaliere dovesse indossare il Gran collare soltanto durante le festività solenni, mentre il resto dell’anno poteva portare il Piccolo collare.

In perfette condizioni, originale.

 

MATERIALE     :  Argento dorato

MISURE            :  pendente circa mm. 49 x 69

MISURE            :  collare circa mm. 270 e mm.310 , totale lunghezza aperta mm.580

MISURE            :  ogni elemento/sezione del collare circa mm. 27 x 13

PESO                 :  gr. 92 circa

MARCHIO        :  – (Cravanzola)

 

Notizie

L’Ordine Supremo della Santissima Annunziata è la massima onorificenza di Casa Savoia. Precedentemente è stata la massima onorificenza dei Conti e dei Duchi di Savoia, del Regno di Sardegna e del Regno d’Italia. Trattandosi di un ordine di origine familiare antecedente l’unità nazionale, esso continua ad essere conferito in maniera privata da parte di Casa Savoia.

Nel XVI secolo era uno dei quattro Ordini illustri “di collana” esistenti insieme a quelli della Giarrettiera, del Toson d’Oro e di San Michele.

La Repubblica Italiana non riconosce l’Ordine e non ne autorizza l’utilizzo pubblico.

Storia

Istituzione dell’Ordine

Nel corso del XIV secolo si ha notizia di diverse giostre a tema svolte in Savoia a partire dal 1334: ad esempio nel 1345 i festeggiamenti furono detti «della Tavola Rotonda» (in festo stabule rotonde) e allo stesso modo i partecipanti alla giostra si indicarono come membri della Tavola Rotonda. In modo simile nel 1350 fu creata una compagnia di cavalieri detta compagnia del Cigno Nero.

Nel 1364 Amedeo VI di Savoia, in occasione di una giostra a ricordo della vittoria su Federico II di Saluzzo, istituì l’Ordine del Collare e fece realizzare per sé e per altri 14 cavaliere un collare, descritto dalle cronache del tempo come simile a quello dei levrieri.

L’ordine del collare, il cui scopo era di “indurre unione e fraternità tra i potenti sicché si evitassero le guerre private”, era riservato ai nobili più illustri e fedeli e la regola statutaria prevedeva che tutti gli insigniti fossero considerati pari e si chiamassero tra loro “fratelli”. Le insegne originarie erano costituite da un collare d’argento dorato con il motto FERT, chiuso da un anello con tre nodi sabaudi. I Milites Collaris Sabaudiae, così come erano chiamati gli insigniti, erano in origine limitati a quattordici, sotto la guida di Amedeo VI, primo gran maestro dell’ordine, per un totale complessivo di quindici membri ad onore delle quindici allegrezze di Maria Vergine. I primi cavalieri di quest’ordine, nominati da Amedeo VI dal 1362 al 1383, furono:

  • Blason ville fr La Roche-sur-Foron (Haute-Savoie).svg Amedeo III di Ginevra, conte di Ginevra
  • Blason ville fr Beaujeu (Rhône).svg Antonio di Beaujeu, signore di Beaujeu e Dombes
  • Blason famille fr Chalon Arlay.svg Ugo di Châlon, barone e signore d’Arlay
  • Blason ville fr La Roche-sur-Foron (Haute-Savoie).svg Aimone III di Ginevra, signore di Anthon e Varey
  • Giovanni di Vienne, signore di Rollans, Listenois e Bonencontre, Maresciallo di Borgogna, Ammiraglio di Francia
  • Wappen Vogtei Grandson.svg Guglielmo di Grandson, signore di Aubonne e Sainte-Croix
  • Blason famille de Vasse.svg Guglielmo di Chalamont, signore di Meximieux e Montaney
  • Faure des Rieux.svg Orlando di Vayssi, gentiluomo del borbonese
  • Blason famille Labaume-Montrevel.svg Stefano della Baulme, signore di St.-Denis-de-Chausson e Chavanes, Ammiraglio e Maresciallo di Savoia
  • Blason de Montmayeur.JPG Gasparo di Montmayeur, barone di Villar-Salet, Syllans, Cusy e Brandis
  • Blason famille de La Croix de Castries.svg Bartolomeo di Foras, signore di Aubonne e Sainte-Croix
  • Blason deMenthon.svg Thennard di Menthon, signore di Menthon
  • Aimone di Bonivard, castellano di Allinges e Thonon
  • Blason Ternier.svg Richard Musard, gentiluomo inglese

Amedeo VIII di Savoia diede la prima regolamentazione ufficiale dell’ordine e della sua decorazione, stabilendo che, nel collare, fossero alternati i nodi sabaudi con la scritta FERT e quindici rose, a ricordo della Rosa d’Oro inviata da Urbano V al conte Amedeo VI nel 1364 quando gli conferì le insegne di cavaliere crociato. Carlo III di Savoia nel 1518 diede nuovi statuti all’ordine, cui diede il nome di Ordine della Santissima Annunziata. Nel collare furono inserite le rose (simboli mariani) e nel pendaglio l’immagine dell’Annunziata. Il numero di cavalieri, inoltre, fu aumentato a venti.

I primi statuti dell’ordine, quelli dati da Amedeo VI, sono andati perduti. Quelli tramandati fino ad oggi sono gli statuti modificati da Amedeo VIII di Savoia nel 1409, con aggiunte nel 1434 In seguito, Emanuele Filiberto Testa di Ferro aggiunse che l’ammissione all’ordine era subordinata alla dimostrazione di quattro quarti della propria nobiltà da almeno cinque generazioni. Vittorio Amedeo II secolarizzò l’ordine. Nel 1869 Vittorio Emanuele II stabilì che l’investitura all’ordine potesse avvenire anche senza origini nobili, purché per altissimi meriti resi allo stato o alla corona.

Al momento dell’investitura il nuovo cavaliere riceve due collari se è italiano (i cosiddetti “gran collare” e “piccolo collare”), oppure un collare solo se si tratta di cittadino straniero (solo il “piccolo collare”). I grandi collari sono sempre gli stessi, e gli insigniti, al momento dell’investitura, devono promettere di testamentarne per gli eredi la restituzione a Casa Savoia. Da qui si comprende, dunque, che ogni singolo gran collare abbia una propria storia ed un proprio elenco di possessori, elenco che viene annotato in un cartiglio sul coperchio della scatola del collare. Al momento dell’investitura il nuovo insignito si sceglie il gran collare fra quelli disponibili. Il piccolo collare, invece, non doveva essere restituito e restava come dono alla famiglia del cavaliere.

Gli insigniti sono esentati dal pagamento di tasse e imposte, sono “cugini del re” (al quale possono dare del “tu”), hanno il titolo di “eccellenza”, la precedenza protocollare davanti a tutte le cariche dello stato, il diritto agli onori militari e diventano ipso facto gran croci dell’Ordine della Corona d’Italia e dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro.

Contrariamente agli altri ordini sabaudi (Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Ordine della Corona d’Italia ed Ordine Civile di Savoia), le cui candidature vengono proposte e vagliate da commissioni, per il Collare dell’Annunziata il conferimento è a totale discrezione del Capo della Casa.

Gran maestri

  1. Amedeo VI di Savoia, conte di Savoia, fondatore dell’Ordine della Collana
  2. Amedeo VII di Savoia, conte di Savoia
  3. Amedeo VIII di Savoia, conte e poi duca di Savoia
  4. Ludovico di Savoia
  5. Amedeo IX di Savoia
  6. Filiberto I di Savoia
  7. Carlo I di Savoia
  8. Carlo Giovanni Amedeo di Savoia
  9. Filippo II di Savoia
  10. Filiberto II di Savoia
  11. Carlo II di Savoia
  12. Emanuele Filiberto di Savoia
  13. Carlo Emanuele I di Savoia
  14. Vittorio Amedeo I di Savoia
  15. Francesco Giacinto di Savoia
  16. Carlo Emanuele II di Savoia
  17. Vittorio Amedeo II di Savoia, re di Sicilia, poi re di Sardegna
  18. Carlo Emanuele III di Savoia
  19. Vittorio Amedeo III di Savoia
  20. Carlo Emanuele IV di Savoia
  21. Vittorio Emanuele I di Savoia
  22. Carlo Felice di Savoia
  23. Carlo Alberto di Savoia
  24. Vittorio Emanuele II di Savoia, re d’Italia
  25. Umberto I di Savoia
  26. Vittorio Emanuele III di Savoia
  27. Umberto II di Savoia
  28. Vittorio Emanuele di Savoia

Le insegne

Le attuali insegne dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata sono costituite da una grande collana (denominata “gran collare”) in oro, formata da quattordici maglie alte 3 centimetri, dentro ognuna delle quali ci sono le ultime due e le prime due lettere del moto FERT serrate da un nodo sabaudo, chiuso e smaltato di bianco e di rosso. Le maglie sono fra loro separate da quattordici rose d’oro, alternativamente smaltate sette di bianco e sette di rosso. Dal collare, al centro, scende un pendente in oro pieno, del diametro di 4,2 centimetri e sospeso da tre catenelle, racchiuso da tre nodi sabaudi e con, nel mezzo, l’immagine della Santissima Annunziata ornata con smalti bianchi, rossi e blu. Il gran collare può essere indossato solo dai cavalieri italiani e solo in alcune determinate occasioni dell’anno (ad esempio, il giorno della Festa dello Statuto Albertino o il giorno di Natale).

Il “piccolo collare”, invece, è una versione più piccola del gran collare, può essere indossato sia dai cavalieri italiani che da quelli stranieri e si può utilizzare in tutti i giorni dell’anno.

La placca dell’ordine è circolare, con raggi d’oro sul bordo, recante al centro l’immagine della santissima Annunziata. Il nastro dell’ordine è rosso.

Divisa.Annunziata.png
Placca
Placque of the Most Holy Annunciation.png
Nastro
Order of the Most Holy Annunciation BAR.svg

Cavaliere

Significato simbolico

Il collare, anche se ancora senza pendente e dunque non ancora definito dell’Annunziata, simbolicamente ha il duplice significato di vincolo di fedeltà e di dominio, ed in questo simbolo è evidente come Amedeo VI di Savoia, volesse tenere uniti i suoi migliori cavalieri attraverso un patto di fratellanza, ma nello stesso tempo all’esclusivo suo servizio.

I nodi sabaudi, in origine, erano anche denominati “nodi del Signore“, “lacci di Salomone” o “nodi d’amore“. A proposito di quest’ultima definizione, Luigi Cibrario accampa l’ipotesi che il simbolo adottato da Amedeo VI derivasse da un dono ricevuto da una misteriosa dama, consistente in un bracciale formato da una ciocca di capelli intrecciata. Questa teoria è anche rafforzata dal colore verde dell’abito del conte, che nel medioevo era considerato il colore di Venere.

Ancora più controverso è il significato dell’acronimo “FERT“, aggiunto sul collare nel 1409 da Amedeo VIII. Tra tutte le ipotesi la più probabile è che sottintenda la frase “Foedere et religione tenemur“, alludendo al patto cavalleresco ed al profondo legame religioso dell’ordine. È possibile, però, che l’acronimo derivi dal verbo ferre, cioè portare o sopportare, riferito alla devozione verso la Vergine Maria o alle pene da “sopportare” per la devozione mariana. Suggestiva è anche l’ipotesi che FERT non sia altro che la contrazione di ferté, dall’arcaico forteresse o fermeté[12].

La forte connotazione mariana dell’ordine di casa Savoia divenne palese nel 1518 per opera di Carlo III, detto il Buono, che arricchì il collare del pendente raffigurante l’Annunciazione e mutò il nome da “Ordine del Collare” a “Ordine Supremo della Santissima Annunziata”.

Fonti di approfondimento  Wikipedia e Web , a cui si rimanda la consultazione per ulteriori informazioni.

 

8.22

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Peso 2 kg
Dimensioni 30 × 30 × 20 cm
Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ordine Supremo Santissima Annunziata – Piccolo Collare”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shipping & Delivery

Vestibulum curae torquent diam diam commodo parturient penatibus nunc dui adipiscing convallis bulum parturient suspendisse parturient a.Parturient in parturient scelerisque nibh lectus quam a natoque adipiscing a vestibulum hendrerit et pharetra fames.Consequat net

Vestibulum parturient suspendisse parturient a.Parturient in parturient scelerisque nibh lectus quam a natoque adipiscing a vestibulum hendrerit et pharetra fames.Consequat netus.

Scelerisque adipiscing bibendum sem vestibulum et in a a a purus lectus faucibus lobortis tincidunt purus lectus nisl class eros.Condimentum a et ullamcorper dictumst mus et tristique elementum nam inceptos hac vestibulum amet elit