COLONNA CELERE Starace Gondar (marcia su) Lago Tana

Registrati per scoprire il prezzo

Attestato per l’assegnazione del distintivo USQUE AD FINEM , distintivo della “Colonna Celere” o “Marcia su Gondar“, numerato 84 ,dato ai componenti della COLONNA CELERE di Achille Starace.

Il documento è in buone condizioni, presenta una mancanza all’angolo superiore sinistro, ed un paio di strappi come ben evidenziato dalle foto. Il cognome del Caporal Maggiore è stato oscurato solo nel formato digitale.

Misure approssimative dell’attestato , cm. 30 x 25

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

 

Descrizione

Descrizione

Attestato per l’assegnazione del distintivo USQUE AD FINEM , meglio noto come distintivo della “Colonna Celere” o “Marcia su Gondar” , in virtù della partecipazione alle operazioni di conquista di Gondar ed altre località , dato ai componenti della COLONNA CELERE di Achille Starace.

Con il grado di Luogotenente Generale della MVSN Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale, Achille Starace allora Segretario del Partito Nazionale Fascista , viene comandato a dirigere le operazioni in Africa Orientale con la sua Colonna Celere.

A chi avesse preso parte a tali operazioni, venne assegnato il distintivo corredato di relativo attestato, entrambi numerati.  Nell’immagine dell’attestato nella parte alta sinistra, leggiamo l’indicazione del  XIV anno dell’era fascista , il I dell’impero . Più sotto si nota il leone ucciso con un pugnale (il pugnale da marcia in dotazione delle CC.NN. e dei soldati in A.O.I.) , il vessillo fascista che sventola  USQUE AD FINEM (fino alla morte) , e la mappa delle conquiste della marcia : Gondar, Gorgorà, Bahar, Debra Tabor, Lago Tana , e, nella parte centrale trovano posto insieme al nome del soldato,  la dicitura  HA FATTO PARTE DELLA COLONNA CELERE AO con la firma in fac-simile del LUOGOTENENTE GENERALE  COMANDANTE Achille Starace . Stampato dallo Stabilimento Marzi – De Simoni , Roma.

Il documento cartaceo è in buone condizioni, tuttavia presenta una mancanza all’angolo superiore sinistro, ed un paio di strappi come ben evidenziato dalle foto. L’attestato è stato compilato ad inchiostro nero con il nome dell’insignito , un Caporal Maggiore di cui è stato oscurato il cognome solo nel formato digitale, e riporta il numero 84 con timbro a tampone.

Misure approssimative dell’attestato , cm. 30 x 25

 

NOTIZIE

Storia operativa – dal 5 Marzo 1936

achille starace colonna celere

Il 5 marzo 1936 fu costituita la “Colonna Celere Starace” composta di 160 Ufficiali 3177 tra sottufficiali e truppa, ivi compresa la forza dell’82° Battaglione Camicie Nere del 6° Gruppo. Compito della Colonna Celere Starace era l’occupazione di Gondar. Nei giorni 10 ed 11 marzo i reparti si concentrarono nella zona dei Laghi di Acria ed il 12 marzo Luogotenente Generale Achille Starace, ne assunse il comando. La colonna muoveva da Asmara il 15 marzo e giungeva ad Omager il 18; percorrendo in 4 giorni circa 400 Km, la Colonna mise severamente alla prova la propria forza fisica. Il 20 marzo, alle ore 7, la Colonna iniziava il passaggio del Setit, procedendo su di una pista discreta fino al torrente Royan; pervenivano qui le prime informazioni sul nemico che sostava nella zona di Caftà. Alla fine della giornata erano stati percorsi 45 Km., con una temperatura di 56 gradi. Il 21 e 22 marzo la marcia proseguiva fino al torrente Suà. Il 23, oltrepassato il Suà, attraverso un terreno argilloso e sassoso, su cui si alternavano immense foreste di bambù, l’avanzata procedeva. Il 25 marzo alle ore 16 veniva raggiunto l’Hangareb  aprendosi una pista, metro per metro, su forti pendenze, che sottoponevano uomini e macchine ad uno sforzo gigantesco. Dal 26 al 29, la Colonna procedeva attraverso un susseguirsi di torrenti, gobbe rocciose, canneti sempre più fitti, che resero necessario appiedare i reparti, per guadagnare tempo. (2)

Il 30 marzo Badoglio ordinava di coordinare l’avanzata della Colonna Celere e della 3a Brigata Eritrea (che dalle ore 24 era stata posta a disposizione di Starace) su 3 Battaglioni, 3 Bande e due Batterie da 65/17 su 4 pezzi, con le seguenti direttive:

  • Giorno 30 marzo: la Colonna avanzi quanto più possibile, autocarrata; la 3a Brigata Eritrea si porti da Dacuà a Masal Denghià.

  • Giorno 31 marzo: la Colonna Celere col massimo delle forze appiedate prosegua su Gondar; la 3aBrigata Eritrea raggiunga Bambelò.

  • Giorno 1°aprile: la Colonna Celere e la 3a Brigata Eritrea puntino contemporaneamente su Gondar.

Continua la marcia

Alle ore 18 del 30, dopo un’avanzata oltremodo difficoltosa, la Colonna sostava e la mattina del 31 marzo si iniziava la marcia a piedi con due Battaglioni di Bersaglieri e l’82° Battaglione CC.NN., due giornate di viveri di riserva, 30 cartucce e due bombe a mano per ciascun armato di fucile, 1800 colpi per ciascuna mitragliatrice, oltre le dotazioni prescritte. Il tempo stringeva: il nemico abbandonava precipitosamente le fortificazioni di Tukul Dingià, ma iniziava gli attacchi contro la coda del convoglio, attacchi ripetuti nei giorni successivi con perdite da parte nostra, ma con più gravi perdite da parte del nemico. Il 1°aprile alle 6, la Colonna riprendeva l’avanzata ed alle 8.50 con un plotone di punta raggiungeva i pressi di Cheddus Johannes e ben presto serrava tutta sulla testa del pianoro a nord-est. Alle ore 10 il Tricolore veniva issato sul Castello di Gondar. (3)

Alle ore 12 del 12 aprile Starace occupava con breve combattimento la penisola del Gorgorà ed innalzava il Tricolore sulla vetta più alta, cui fu imposto il nome di “Vetta Mussolini”. Il 19 aprile il Gruppo Bande dell’altopiano muoveva da Gondar verso Bahar Dar, distante 160 Km.; il 20 seguiva Starace con l’82° Battaglione CC.NN. e l’11° Battaglione Eritrei: alle ore 14 del 24 la Colonna raggiungeva l’obbiettivo. Il 26 iniziava l’avanzata su Debra Tabor con la seguente formazione: 2° Battaglione CC.NN, 11° Battaglione Eritrei, 1a Sezione dell’8° Gruppo Autotrainato da 77/28 e la 5a Batteria Eritrea. 

Verso le altre località

Alle ore 17 del 28 aprile il Tricolore sventolava su Debra Tabor (140 Km. In 25 ore di marcia effettiva). Il 2 maggio Starace raggiungeva il guado del Nilo Azzurro, toccando per la prima volta la sponda sud del Lago Tana: la mattina del 20 maggio partiva in volo da Bahar Dar con due apparecchi R.O.1 della 41a Squadriglia, sorvolava la Colonna in marcia verso Debra Marcos ed atterrava in questa località alle ore 9, mentre i reparti vi giungevano solo alle 12. In 65 giorni la Colonna Celere A.O. aveva così percorso oltre 1.300 Km., conquistando cinque tra i più importanti centri della regione e controllando circa 100.000 Kmq. di territorio. Il 20 maggio la Colonna Celere A.O., avendo completamente e brillantemente assolto il proprio compito, veniva disciolta.

ORGANIGRAMMA DELLA COLONNA

–         Comando
–         82° Legione Camicie Nere “Mussolini” – Forlì
–         3°Reggimento Bersaglieri (20°, 25° e 28° Battaglione)
–         8°Gruppo Artiglieria 77/28
–         Nucleo Sussistenza
–         Reparto speciale Genio
–         Sezione di Sanità
–         Ospedale da campo
–         Autoreparto
–         Servizi Speciali

CADUTI E FERITI

Caduti nazionali

  • 1°Capitano Fanteria Giuseppe della Rovere
  • Tenente Aeronautica G. de Robertis,  cielo di Injabara – Goggiam
  • Capomanipolo Cantoni Pio
  • Caporale De Mucci Vittorio
  • Soldato Fracasso Validio
  • Soldato Colasanti Paolo
  • Soldato Benedetti Luigi
  • Bersagliere Colzani Ettore

Feriti nazionali

  • Sergente Grane Gaspare
  • Cap.Maggiore Cerutti Mario
  • Cap.Maggiore Placidi Renzo
  • Caporale Rigon Aldo
  • Soldato Lodi Alessandro
  • Soldato Quinti Nino
  • Soldato Zuccaio Ruggero

Caduti indigeni

  • Ascari Ghermelac Habetezghi

Feriti indigeni

  • Ascari Techesiè Uoldesillassie
  • Ascari Gherezghier Hogbazghe

(… omissis …)

Achille Starace (Sannicola, 18 agosto 1889 – Milano, 29 aprile 1945) è stato un generale, politico e dirigente sportivo italiano. È stato per otto anni (dal 1931 al 1939) segretario del Partito Nazionale Fascista, presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, commissario straordinario della Lega navale italiana, luogotenente generale della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale. Fu sepolto a Sannicola di Lecce, presso il cimitero comunale.

 

Data la vastità dell’argomento della Colonna Celere e del personaggio Achille Starace , si rimanda a consultazioni personali su Wikipedia , ed anche Regio Esercito  e sulle fonti evidenziate dai link in questo articolo. 

9.19

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 40 × 40 × 40 cm
Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “COLONNA CELERE Starace Gondar (marcia su) Lago Tana”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spedizione e pagamenti

PAGAMENTI SICURI - Garantiamo pagamenti sicuri tramite il modulo Paypal. Il pagamento è consentito anche tramite carta di credito alla voce “Paga con un’altra carta”

SPEDIZIONI RAPIDE - Il tuo acquisto sarà affidato ad un corriere espresso il quale assicura tempi di spedizione rapidi e puntuali. Per i costi puoi visualizzare la tabella qui