Terminato

‚ĚĆūüôĀCasco Coloniale MVSN DICAT Truppa modello ’28

Registrati per scoprire il prezzo

Casco coloniale modello 28 per truppa della MVSN  Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale specialità DICAT Difesa Antiaerea Territoriale

Realizzato in sughero rivestito di tela con colorazione verde/cachi, a sei sezioni/spicchi, purtroppo mancano i distanziatori interni in sughero e l’alluda perimetrale in cuoio. La taglia indicata √® una 53. Fregio frontale in lamierino d’ottone recante il numero stampato 104 , legione TROTTI di TERNI

In ottime condizioni

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

COD: BER0035 Categoria: Tag: , , , , , , , , ,
Descrizione

Descrizione

Casco coloniale modello 28 per truppa della MVSN¬† Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale specialit√† DICAT Difesa Antiaerea Territoriale, di magnifica presenza. Realizzato in sughero nella calotta e nelle larghe falde, rivestito di tela con colorazione verde/cachi, a sei sezioni/spicchi . In alto troviamo un piccolo cupolino in metallo verniciato, posto al centro della calotta, con tre aperture per permettere l’aerazione. Ci sono anche due aperture circolari laterali provviste di retina di protezione, sempre per garantire un passaggio di aria. A completare il casco, una fascia perimetrale realizzata con la stessa tela di rivestimento del casco, una taschetta laterale che veniva usata come alloggiamento del piumetto dei Bersaglieri, ed un soggolo in cuoio con passante in metallo. L’interno √® rivestito di tela verde, e purtroppo mancano i distanziatori in sughero con l’alluda perimetrale in cuoio. La taglia indicata √® una 53, come da timbro visibile nelle foto. Fregio frontale in lamierino d’ottone, come da regolamento del 1935 , per la truppa. Raffigura un fascio littorio con due fusti di cannone incrociati, sormontanti un tondino dallo sfondo nero recante il numero 104 stampato. Il fregio intero √® applicato con delle linguette a forare il sughero del casco, ed √® sottopannato di nero, per le Camicie Nere CC.NN.¬† Il numero 104 indica che il casco appartenne ad un milite della legione TROTTI di TERNI .¬† Il casco coloniale per milite della MVSN specialit√† DICAT qui proposto, seppure recante i segni del tempo e le sue mancanze, √© in ottime condizioni e conserva e mostra intatta la magnificenza della sua forma.

 

 

9a¬†Zona “Umbria-Marche”¬†(Sede¬†Perugia)

Legione Nome Sede n¬į¬†di Coorti Coorti distaccate

(1927)

Battaglioni CC.NN.*(*) I battaglioni CC.NN. mobilitati per la guerra d’Etiopia aggiungevano la cifra 100 alla numerazione della Legione. Legenda: ¬ęT¬Ľ = Territoriale, ¬ęTM¬Ľ = Territoriale mobile, ¬ęM¬Ľ = Battaglione d’Assalto
Mobilitati Territoriali
102a Cacciatori del Tevere Perugia 5 Città di Castello, Marsciano, Castiglion del Lago, Todi CCII (1935)

CII (Libico)

CCCII ¬ęT¬Ľ
103a Clitunno Foligno 3 Bevagna, Spoleto CIII (Libico) CCCIII¬†¬ęT¬Ľ
104a S. Trotti Terni 3 Amelia, Narni CCIV (1935)

CIV (1939)

CCCIV ¬ęT¬Ľ
105a Veturiana

poi Mussolini

Orvieto 3 Selci, Citt√† della Pieve , CV (1939) DV ¬ęTM¬Ľ
108a Stamira Ancona 4 Falconara, Arcevia, Fabriano CVII1 (1939 DVIII ¬ęTM¬Ľ
109a F. Corridoni Macerata 5 Camerino, Cingoli, Recanati, Tolentino CIX (1939) DIX ¬ęTM¬Ľ
110a Picena Ascoli Piceno 4 S. Benedetto T., Fermo, S. Elpidio CX (Libico) DX ¬ęTM¬Ľ
111a F. Michelini Tocci Pesaro 2 Fossombrone (coorte a Zara) CXI (1939) DXI ¬ęTM¬Ľ

 

NOTIZIE

Milizia Volontaria Sicurezza Nazionale

 

La¬†Milizia volontaria per la sicurezza nazionale¬†(in acronimo¬†MVSN, spesso genericamente identificata con la locuzione¬†camicie nere¬†a causa delle camicie di colore nero adottate quale parte della¬†divisa, come spesso indicato anche nella¬†storiografia¬†non italiana) √® stato un corpo di¬†gendarmeria¬†a ordinamento militare e dal 1924 una¬†forza armata¬†dell’Italia fascista.

La sua fondazione fu decisa e annunciata dal Consiglio dei ministri del 28 dicembre¬†1922¬†presieduto da¬†Benito Mussolini¬†e decretata dal re¬†Vittorio Emanuele III¬†con regio decreto-legge il 14 gennaio 1923, n. 31¬†(poi convertito in legge il 17 aprile 1925) entrato in vigore il 1¬ļ febbraio 1923.

Accorp√≤, nel 1923, la disciolta Milizia dei¬†Sempre Pronti per la Patria e per il Re¬†dell’Associazione Nazionalista Italiana.

Inizialmente pensata come milizia a uso esclusivo del¬†Partito Nazionale Fascista (rispondeva solo al¬†Presidente del Consiglio dei ministri e a lui solo era dovuto il giuramento, in contrasto con l’obbligo di giuramento al sovrano), nel tempo¬†perse la sua esclusivit√† nei compiti e fin√¨ col mescolarsi quasi del tutto con il¬†Regio Esercito.

Origini e costituzione

La M.V.S.N. nasceva dall’esigenza del Partito Nazionale Fascista, di irregimentare le squadre d’azione in una vera e propria milizia riconosciuta dallo Stato. Benito Mussolini incaricava una commissione¬† composta da Emilio De Bono, Cesare Maria De Vecchi, Aldo Finzi, Italo Balbo e Attilio Teruzzi, di studiare il problema.

La commissione realizzava un progetto sulla formazione e organizzazione di un corpo di volontari, inquadrato nell’esercito nazionale mediante reclutamento, in una fascia di et√† tra i 17 e i 50 anni, analogamente ad altri Stati che godevano di analoghe milizie. Questo avvenne per i primi quattro anni. Il servizio di leva obbligatorio poteva essere svolto anche nella milizia.

La M.V.S.N. venne creata il 1¬ļ febbraio del 1923, sulla base delle vecchie squadre d‚Äôazione fasciste, per concorrere a “mantenere all’interno l’ordine pubblico”. Il primo comandante generale fu Italo Balbo.

Con R.D. del 4 aprile 1924 la M.V.S.N. entrò a far parte delle Forze armate dello Stato, per cui le Camicie Nere prestavano giuramento al re e non al Partito fascista, e la Milizia divenne la quarta forza armata italiana.

Organizzazione

La M.V.S.N. era strutturata su base volontaria e territoriale, formata da iscritti al Partito Nazionale Fascista tra i 16 e i 50 anni; oltre i 36 anni il milite entrava nelle unità territoriali sino ai 55 anni, con il nome di triario.

L’organizzazione della Milizia si articolava su un comando generale. Il territorio era ripartito nei raggruppamenti Milano, Bologna, Roma e Napoli al comando di luogotenenti generali. Ogni comando di raggruppamento aveva alle proprie dipendenze un certo numero di gruppi (33 in totale) retti da consoli generali. Ciascun comando di gruppo aveva alle proprie dipendenze un certo numero di legioni ordinarie (120 in tutto) comandate da consoli.

La struttura della M.V.S.N. era a ordinamento ternario: ogni legione (come quella di questo berretto da Centurione della MVSN milizia Dicat) si componeva di tre coorti, formate da tre centurie cos√¨ formate da tre manipoli e ogni manipolo da tre squadre. Dopo alcune modifiche susseguitesi tra ’29 e il ’35, nel 1939 si tornava alla struttura di partenza.

La M.V.S.N. era costituita dalla Milizia ordinaria, Forestale, Stradale, Ferroviaria, Postelegrafonica e Portuale. Alla Milizia ordinaria appartenevano la Milizia Confinaria, quella Coloniale e la Milizia Universitaria, che aveva compiti d‚Äôistruzione premilitare. Nel ’30 vennero aggiunte la Milizia per la difesa contraerea (prima D.A.T., poi DiCat) e la Milizia Marittima (MilMart). Vi erano ufficiali in servizio permanente effettivo, ufficiali inclusi nei quadri (non abitualmente in servizio, ma richiamabili) e nella riserva. Il Comando generale provvedeva alla nomina degli ufficiali. Questa la struttura territoriale ed i rispettivi incaricati di comando :

  • Zona (Divisione)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ispettore generale di zona poi luogotenente generale (generale di Divisione)
  • Gruppo di Legioni (Brigata)¬† console generale (generale di Brigata)
  • Legione (Reggimento)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† console (colonnello)
  • Coorte¬†(Battaglione)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†seniore (maggiore)
  • Centuria¬†(Compagnia)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†centurione (capitano)
  • Manipolo (Plotone)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† capomanipolo (tenente, vedi fez milizia fascista in vendita)
  • Squadra (Squadra)¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬† ¬†caposquadra (sergente)

La Milizia per la difesa antiaerea territoriale DICAT, istituita in Italia con Regio decreto legge del 18 febbraio 1930, aveva il compito di predisporre, in tempo di pace, e di attuare in tempo di guerra unitamente alle unità contraeree delle altre forze armate, la difesa del paese da attacchi aerei nemici.

Questa specialit√† della MVSN (di cui abbiamo questo casco coloniale da milite della milizia MVSN DICAT ) nasce il 16 aprile 1927 con la denominazione di Milizia artiglieria contraerei; dal¬†1930 venne ridenominata Milizia per la Difesa Aerea Territoriale, abbreviata in¬†MDAT, poi in¬†Milizia per la Difesa Controaerea Territoriale, abbreviato prima in¬†MDCAT, poi in¬†MDICAT. Nel¬†1935¬†era articolata su 14 Legioni e 10 Coorti autonome, poste alle dipendenze, insieme alla¬†Milizia per la difesa costiera¬†(M. DACOS), dell’Ispettorato, poi “Comando della M. Di.C.A.T. e da Cos.”. La milizia partecipa alla¬†Guerra d’Etiopia¬†fornendo il personale per tutte le¬†batterie someggiate da¬†65/17¬†in forza alle¬†Legioni CC.NN., mentre diverse migliaia di sue Camicie Nere combatterono come fanti nei battaglioni CC.NN. Nel 1939 il comando assunse il nome di “Comando Milizie Controaerei ed Artiglieria Marittima” e la MDICAT venne riorganizzata su 5 Comandi di gruppo di Legioni DICAT con a disposizione 22 Legioni in Patria e 4 nelle colonie, ognuna delle quali armava un certo numero di¬†batterie¬†sparse sul territorio dell’Impero. La MDICAT, che al 10 giugno 1940, data dell’entrata in guerra¬†inquadrava 85.000 uomini, cambio per l’ultima volta denominazione in¬†Milizia Artiglieria Contro Aerei,¬†MACA¬†nel codice telegrafico. Per tutta la durata della¬†seconda guerra mondiale, la milizia difese accanitamente il territorio nazionale dalle incursioni alleate, in collaborazione con la¬†Regia Aeronautica.

Organizzazione

L’arruolamento degli ufficiali veniva effettuato tra gli ufficiali di artiglieria del Regio Esercito non soggetti alla mobilitazione in caso di guerra; la truppa (come per il milite proprietario di questo casco coloniale MVSN DICAT) era costituita da volontari esenti da obblighi militari, giovani non ancora chiamati alla leva, da personale delle classi anziane, da mutilati e reduci della Grande Guerra e da ciechi impiegati, per il loro udito affinato, all’ascolto agli aerofoni. Il personale, normalmente in congedo, veniva periodicamente richiamato in servizio per l’addestramento e per le manifestazioni del Regime. Per la disciplina dipendeva dal “Comando Generale della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale”, per l’addestramento e per l’impiego dai Comandi di Corpo d’armata o di Isola. In caso di mobilitazione, o quando sia necessario per la sicurezza dello Stato, la milizia passava alle dipendenze del Ministero della Guerra, agli ordini del Comando supremo militare italiano.

Fonti Wikipedia¬†¬† , ¬†V. Ilari-A. Sema, “Marte in orbace”, Casa Editrice Nuove Ricerche, Ancona, 1988

 

12.21

Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 35 × 35 × 35 cm
Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀCasco Coloniale MVSN DICAT Truppa modello ’28”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spedizione e pagamenti

PAGAMENTI SICURI - Garantiamo pagamenti sicuri tramite il modulo Paypal. Il pagamento √® consentito anche tramite carta di credito alla voce ‚ÄúPaga con un‚Äôaltra carta‚ÄĚ

SPEDIZIONI RAPIDE - Il tuo acquisto sarà affidato ad un corriere espresso il quale assicura tempi di spedizione rapidi e puntuali. Per i costi puoi visualizzare la tabella qui